skip to Main Content
Newsletter Autumn 2020

Remembering the Acqua Alta of 2019

Scorri giù per la versione italiana.

On this day one year ago, Venice was hit by a violent storm, resulting in the worst flooding since 1966. No-one escaped the consequences: some people’s lives were irreversibly damaged and a number of businesses and artisanal workshops have since closed forever.

A report on the meteorological dynamics was produced jointly by the different institutions engaged in monitoring and research regarding water level trends; it concluded that the flooding was the result of a particularly rare and dangerous combination of weather conditions and signals an improvement in the institutional tensions obstructing the scientific basis for policy making in Venice.

In the days following the flooding, WahV was overwhelmed by media from all over the world. We expressed our outrage at the lingering failures and corruption associated with the MOSE flood barrier project, and renewed our call for accountable governance in order to prevent a similar disaster from taking place ever again.

Over the last year we have continued campaigning for improved governance — engaging with experts, community representatives and interest groups to better understand long-term policy options to prevent flooding; and we have continued raising awareness of the lagoon’s unique ecology and the challenges posed by over-shipping and sea level rise. We held a fundraising concert for Pellestrina, which was particularly devastated by the storm. Our project to demonstrate the importance of the salt marsh in the lagoon for sequestering carbon is making progress.

We are working closely with the newly-founded Global Cruise Activist Network, which unites organisations like ours with other activists across the world to jointly call for reform of the cruise industry. Both Venice’s fame and particular vulnerability help the push for tighter sustainability standards for cruising everywhere.

Moving forwards, we are still pushing for increased, impartial scrutiny of the MOSE project: though it has now worked on a few occasions, questions remain about its final completion, when it will be used, costs and overall responsibility for maintenance and operations and, last but not least, ongoing, reliable monitoring of the environmental impacts and mitigating measures.

We will continue our work to contribute to a more resilient, better-understood Venice – for the Venetians and for the world.

This time last year many people generously sent support via PayPal. A lot has happened since, but if you are still reading this you must also truly care about Venice and are interested in our efforts – so we hope that you might consider making a donation. Your support will enable us to continue working for Venice and make a real difference for people living in the city.

MAKE A DONATION
BECOME A MEMBER
Members help cover our basic operating costs and bring extra insight into our work.

For sponsorship opportunities to fund specific project areas contact info@weareherevenice.org.

FOLLOW US

To find out more about WahV’s projects and get a better picture of our day-to-day activity, follow us on Instagram, Facebook and Twitter, where we post regular updates.

Ricordando l’acqua alta

Un anno fa, Venezia veniva investita da un cataclisma, causando il peggiore acqua alta in città dal 1966. Nessuno è riuscito a sfuggire alle conseguenze di questo disastro: le vite di molte persone sono state segnate e diverse attività commerciali e artigianali sono state costrette a chiudere per sempre.

Un report sulle dinamiche meteorologiche di quell’evento fu fornito congiuntamente dalle varie istituzioni locali coinvolte nello studio e nel monitoraggio dei livelli della marea nella laguna e il rapporto concluse che l’evento era stato frutto della combinazione particolarmente rara e pericolosa delle condizioni meteo e delle maree eccezionali di quei giorni. Questo rapporto rappresentò un miglioramento delle tensioni istituzionali che ostacolavano il fondamento scientifico della formulazione delle politiche per la città lagunare.

Nei giorni seguenti l’acqua alta eccezionale, WahV fu sommersa dalle richieste dei media di tutto il mondo. È stato in quell’occasione che abbiamo espresso la nostra indignazione per la corruzione e i perpetui fallimenti del progetto MOSE, e abbiamo rinnovato il nostro impegno a lottare per una gestione più affidabile, affinché disastri come questo non ricapitino più.

Nell’ultimo anno abbiamo continuato a lavorare per una governance migliore, collaborando con esperti, rappresentanti della comunità e gruppi d’interesse, così da comprendere meglio quali potessero essere le possibili politiche a lungo termine in grado di prevenire l’acqua alta. Ci siamo impegnati perché le persone potessero prendere coscienza della delicata situazione dell’ecosistema lagunare veneziano e delle sfide rappresentate dall’eccesivo traffico marittimo e dall’innalzamento del livello del mare. Abbiamo organizzato un concerto per raccogliere fondi per i residenti dell’isola di Pellestrina, che venne particolarmente danneggiata dall’alluvione di quella notte. Il nostro progetto che mira a dimostrare l’importanza delle barene per il sequestro di carbonio si sta consolidando bene.

Stiamo poi lavorando a stretto contatto con la neonata Global Cruise Activist Network , che unisce organizzazioni come la nostra con altri attivisti in tutto il mondo per chiedere una riforma del settore delle crociere, utilizzando la fama e la vulnerabilità particolare di Venezia per spingere per un crocierismo più sostenibile in tutto il mondo.

Inoltre, stiamo ancora spingendo per un controllo maggiore e imparziale del progetto MOSE: sebbene ora abbia funzionato in alcune circostanze, rimangono dei dubbi sul suo completamento, sulla sua modalità di funzionamento, sui costi associati alla manutenzione e alle operazioni e, ultimo ma non meno importante, al monitoraggio continuo e affidabile degli impatti ambientali e delle misure di mitigazione.

Continueremo il nostro lavoro per contribuire ad una Venezia più resiliente e meglio compresa – sia per i veneziani, che per il resto del mondo.

In questo momento, lo scorso anno, molte persone ci hanno generosamente supportato tramite PayPal. Da allora sono accadute molte cose, ma se ancora ci stai leggendo significa che anche tu tieni veramente a Venezia e sei interessato alla nostra missione, quindi ci auguriamo che tu possa prendere in considerazione di fare una donazione. Il tuo sostegno ci consentirà di continuare a lavorare per Venezia e fare davvero la differenza per le persone che vivono in questa città.

FAI UNA DONAZIONE
DIVENTA SOCIO
I membri contribuiscono a coprire i costi operativi di base e a fornire maggiori informazioni sul nostro lavoro.

Per le opportunità di sponsorizzazione per finanziare specifiche aree di progetto, contattare info@weareherevenice.org.

SEGUICI

Per saperne di più sui progetti di WahV e avere un’idea più chiara della nostra attività quotidiana, seguici su Instagram, Facebook e Twitter, dove pubblichiamo aggiornamenti regolari.

Back To Top

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close